Vi siete mai chiesti perché al mondo esistano tante lingue?
Vi siete mai chiesti perché ai tedeschi sia toccato il tedesco?
Vi siete mai chiesti perché gli svedesi usino un idioma pieno di parole simili ai nomi dei mobili di IKEA?
O perché ad esempio gli slavi abbiano una lingua che sembra creata da un gatto che cammina su una tastiera?

Toren van Babel, Bruegel (circa 1565)

Io ho provato a darmi una risposta con questo articolo pieno di preconcetti e di una ignoranza disarmante (roba che nemmeno alla terza media…).

Al fine di non tediare il lettore con la spiegazione dell’origine di tutte le lingue del mondo, mi dedicherò esclusivamente a descrivere la distribuzione delle principali lingue appartenenti al ceppo europeo.

Le Sacre Scritture insegnano: “Tutta la terra aveva una sola lingua e le stesse parole. Tutti gli uomini s’incontrarono in un’unica pianura e decisero di erigere una torre talmente alta da arrivare nel cielo.
Dio si sentì offeso da cotanta presunzione e, preso da un momento di estrema magnanimità, decise di non distruggere il mondo, ma di creare lo scompiglio mescolando le lingue”.

L’appuntamento per ritirare i nuovi idiomi fu fissato alle ore 5.00 del mattino seguente.
Ecco come andò:

Gli spagnoli

Flag_of_Spain.svg

Furono i primi ad alzarsi e furono anche i primi giungere al banchetto di distribuzione lingue. Stranamente però dal distributore dei numeri si partiva già dal numero 2. Dovettero quindi accontentarsi della seconda miglior lingua.

Gli italiani

Flag_of_Italy.svg

Si svegliarono in ritardo, ma avevano un asso nella manica: consci che  avrebbero trovato casino, decisero di strappare il numero 1 dal distributore dei numeri la sera precedente.  La decisione fu facile: una lingua neolatina, dolce e poetica. La scelta cadde inevitabilmente sull’italiano. D’altronde è risaputo, chi sceglie per primo ha la parte migliore.

I sammarinesi

Flag_of_San_Marino.svg

Pigri, ordinarono la stessa cosa degli italiani.

I francesi

Flag_of_France.svg

Si svegliarono un po’ in ritardo, ma recuperarono molto tempo grazie al fatto di non dover usare il bidet. Purtroppo quando giunsero al banchetto si accorsero che gli italiani e gli spagnoli avevano fatto razzia delle lingue neolatine  e dovettero arrangiarsi con l’ultimo modello rimasto. Quello femminile.

Gli inglesi

Flag_of_the_United_Kingdom.svg

Si svegliarono alle 5.00, arrivarono al banchetto alle 5.01. Il vantaggio del non doversi lavare proprio. Furono i primi a poter scegliere tra le lingue germaniche. Optarono per la semplicità e la musicalità.

Gli svedesi

Flag_of_Sweden.svg

Freddi, glaciali. Si avvicinarono a Dio senza proferir parola. Allungarono il braccio e presero il bigliettino, quello sbagliato. Avevano preso quello dell’imballaggio del tavolo: HÖGSBY, acquistato da Dio al modico prezzo di €249 all’IKEA.

I Tedeschi

de

Non è dato sapere cosa accadde, il ritiro non fu mai effettuato, così come gli olandesi e belgi. Cosa sono quei suoni emessi dalla bocca? Una cosa è certa: di sicuro non una lingua.
Scottati dalla disavventura i tedeschi non furono più gli stessi e giurarono che l’avrebbero fatta pagare cara a tutta l’Europa. Soprattutto ai greci.

a09jo5O_700b-252x300

In generale, fateci caso, è possibile dividere l’Europa in due fasce: zone a clima freddo e zone a clima temperato.

Nella prima, ovvero le fredde, le lingue sono molto veloci e con poche vocali e si fa una certa fatica a distinguere quando sono incazzati (tedeschi docet) quasi a voler intendere una certa fretta nel parlare. Sono popoli spicci che badano poco ai convenevoli. Pragmatici (non per nulla sono i paesi “virtuosi” d’Europa)
Nella seconda, ovvero le zone con clima temperato, le lingue sono lente e più allegre (spagnoli, portoghesi, greci e italiani) appartengono a popoli che amano la bella vita (non per nulla, in Europa, sono i PIGS).

6574498_700b-166x300

 

5.00 avg. rating (99% score) - 6 votes
Non guadagno nulla con il mio blog e non sono interessato a farlo. Qui non troverai mai banner pubblicitari, se però questo articolo ti è piaciuto, ti ha trasmesso qualcosa o fatto riflettere condividilo sui tuoi Social preferiti per farlo leggere ai tuoi amici.